Torna alla galleria

Scott Laughland: La prima volta in sella a XTR Di2

Conosciamo l'ex rider professionista Scotty Laughland da molto tempo e abbiamo pensato di chiedergli se potesse farci sapere qual è la configurazione della sua bicicletta più recente. Eravamo tutt'orecchi. Pedala in sella a una Santa Cruz Bronson con Shimano XTR e componenti PRO. Facci viaggiare, Scotty…

Ehi, ciao a tutti. Benvenuti nel mio primo blog su RideShimano. Mi chiamo Scotty Laughland e sono un mountain biker professionista, un atleta di raid e ora uno #Shimanorider. Ho avuto la fortuna di pedalare in tutta Europa, dalle Alpi alle Highlands scozzesi, e la mia bici ha scalato molte vette.

Noi atleti ci sforziamo di essere i migliori, i più veloci e di superare i nostri limiti. E abbiamo bisogno che la nostra attrezzatura riesca a tenerci testa. Quando la possibilità di pedalare con XTR Di2 è diventata realtà, non ho potuto tirarmi indietro. I rider che conosco utilizzano la versione Di2 e ne sono entusiasti. Non vedevo l'ora di provarla.

Ho configurato la mia Santa Cruz Bronson e sono stato subito colpito dalla semplicità con cui ho montato i componenti Di2. Ho collegato con facilità la batteria nel cannotto della forcella, il comando cambio, il deragliatore posteriore e il display. Ho scelto anche il manubrio PRO Tharsis e il relativo attacco, che sono stati progettati per Di2 e realizzati per una perfetta integrazione con i cavi a passaggio interno. Il sistema sembra quasi senza fili, è super pulito.

Non ci si scorda mai della prima volta che si cambia con Di2. Il rumore del meccanismo che si attiva a ogni cambio rapporto è talmente caratteristico e soddisfacente. Mentre aspettavo a bordo di un sentiero, ero dipendente dal premere i pulsanti e cambiare un paio di rapporti solo per udire gli spostamenti del deragliatore. Il sistema di cambiata è così semplice, preciso e fluido che è un vero piacere azionarlo.

La parte migliore è la mancanza di manutenzione richiesta dopo un'uscita. Quando si arriva a casa basta risciacquare velocemente la bici, asciugarla, pulire e lubrificare la catena e si è pronti per la prossima avventura. Non c'è alcun bisogno di perdere tempo sui deragliatori o di preoccuparsi della regolazione dei cavi per ottenere la cambiata perfetta – lo è sempre.

Una delle mie uscite preferite di quest'anno è stata nel nord della Scozia. A Torridon, un villaggio remoto nelle Highlands. Quando si entra nella valle si è circondati dalla vastità di montagne aspre. Considerai quel contesto come la prova del nove per il sistema di cambio elettronico Di2 perché una volta lasciato il villaggio, per le seguenti 5-7 ore e 55 chilometri è improbabile incontrare un'anima viva, senza contare i pochi escursionisti.

Sulla bici avrei dovuto superare le ardue prove del terreno e affrontare discese rocciose, il tutto con paesaggi mozzafiato come sfondo. Le condizioni non erano favorevoli durante la mia uscita, e chiunque venga a sapere che stai pedalando con un sistema elettronico tende a chiedere se è impermeabile o meno. Questa uscita ne è stata la prova definitiva: siccome piovve a dirotto per le precedenti ventiquattro ore, il percorso era impregnato d'acqua. Alcune pozzanghere erano così profonde che quando le attraversai l'acqua schizzò fino al di sopra dei foderi orizzontali bagnando completamente i cavi Di2, ma il sistema non ha mostrato cedimenti e la cambiata è rimasta impeccabile.

Dopo essermi asciugato, sono rientrato in contatto con la civiltà e ho raggiunto la località italiana di Finale Ligure per il round conclusivo dell'Enduro World Series. La settimana che mi aspettava sarebbe stata in netto contrasto con la mia avventura scozzese: sentieri dal fondo molto duro, rocciosi, aridi e polverosi che avrebbero sfidato la resistenza di Di2 su corse ad alte velocità e compressioni elevate. Per tutti e dieci i giorni, il sistema ha cambiato perfettamente senza richiedere alcuna manutenzione. Sapendo di poter selezionare esattamente il rapporto che volevo senza alcuna perdita di potenza o dover ricorrere a mezzi scatti, mi sono sempre sentito molto sicuro di me stesso.

Speeder Bike down Finale's Roller Coaster 😈 @gopro #hero5 #karmagrip

A post shared by Scotty Laughland (@scottylaughland) on

Le specifiche della bici di Scotty:

 

Segui Scotty su https://www.instagram.com/scottylaughland/ per non perderti nessuna delle sue avventure!

Articolo correlato