Torna alla galleria

PARLA LA TECNOLOGIA: NUMERI & FATTI DI QUESTO 100° GIRO D’ITALIA

Quali tecnologie usano i grandi del Giro d’Italia? Abbiamo fatto visita alle nostre squadre per raccontarvi dei componenti che usano per correre. Scopri qui sotto i nostri prodotti e leggi le curiosità che riguardano le nostre squadre.

BICI

Di solito ogni squadra porta circa 50 biciclette al Giro d’Italia. Ognuno dei 9 corridori ha almeno due biciclette da corsa con sé: una viene usata per gareggiare e l’altra viene caricata sull’auto della squadra. Oltre alle due bici da gara i corridori hanno anche due bici da cronometro; allo stesso modo una viene utilizzata e l’altra di scorta viene collocata sull’auto. Sui furgoni vengono invece caricati i telai di scorta.

RUOTE

Con cosìtante bici le squadre e i corridori hanno bisogno di un gran numero di ruote. Mediamente ogni squadra porta con sé70 coppie di ruote; durante ogni tappa le auto ne trasportano 10 coppie l’una.

I corridori preferiscono avere una pressione degli pneumatici che va dai 7 ai 10 bar massimi. É una decisione soggettiva ma le condizioni atmosferiche influenzano la scelta.

Le borracce non vengono usate solo per dissetarsi. Alcuni meccanici le utilizzano per preparare il cerchio con un doppio strato di colla prima di attaccarci i tubolari.

Cassette

Ogni squadra ha con sécirca 160 cassette (piùo meno 17 per ogni corridore). Oltre a tutte le bici complete e alle varie coppie di ruote, le squadre portano anche cassette specifiche per le tappe di montagna (per esempio una cassetta da 11-30).

Catene

Ogni squadra ha circa 200 catene. In virtùdei numerosi cambi di cassette richiesti per affrontare le differenti tappe di un Grande Giro, i meccanici hanno bisogno di diverse catene affinchèla loro lunghezza e la loro tensionatura sia sempre perfetta.

Scarpe

Ogni corridore sponsorizzato riceve tre diverse paia di scarpe. In assenza di incidenti o gravi danni, il ciclista ne usa solitamente un solo paio.

Se vuoi avere piùinformazioni su Shimano al Giro d’Italia tieni d’occhio le nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Articolo correlato