Share

Torna alla galleria

UNA VITTORIA IN QUATTRO COLORI

Il Tour de France 2017 ha spianato la strada per un confronto epico. In una feroce lotta per la vittoria, Chris Froome è riuscito tenersi stretta la maglia gialla. Ma c'è altro da festeggiare, perché tutte e quattro le maglie sono state vinte da corridori Shimano!

Niente è più soddisfacente che vedere i corridori Shimano riuscire a trionfare al più alto livello. Ci sentiamo veramente parte della stessa squadra e, proprio come loro, stiamo lavorando senza sosta per creare un vantaggio competitivo. Quando i nostri sforzi congiunti vengono ripagati con la vittoria di tutte e quattro le maglie, possiamo solo essere orgogliosi di far parte di questa potente combinazione di corridori, squadre e tecnologia.

I prossimi passi della tecnologia

Parlando di vantaggio competitivo, diamo uno sguardo più da vicino a due dei nostri prodotti recentemente introdotti: i nuovi freni a disco Dura-Ace e il misuratore di potenza Dura-Ace. L'edizione 2017 del Tour de France passerà alla storia come il primo grande Giro avente un vincitore di tappa su una bicicletta da corsa con freni a disco. Marcel Kittel ha vinto in modo convincente la tappa 2, 6, 7, 10 e 11 in sella alla sua bicicletta con freni a disco Dura-Ace. Sono sempre di più i corridori che passano ai freni a disco, e Marcel Kittel è già al 100% convinto dei suoi nuovi freni. "Penso che sia importante avere una mente aperta riguardo alle innovazioni tecnologiche. Cerco sempre di trovare nuove soluzioni per migliorare le mie prestazioni. I freni a disco sono un grande passo in avanti per i progressi tecnologici che ci aspettano".

Maggiore potenza di arresto

Qualora i freni tradizionali premono proprio contro il cerchio della ruota, i freni a disco trasferiscono tutta la forza frenante a un rotore montato direttamente sul mozzo. Questo genera una maggiore potenza di arresto e richiede meno pressione sulla leva per generare una tale forza, risultando utile per evitare il fenomeno di "arm pump" sulle lunghe e ripide discese, e a quei corridori più pesanti a cui risulta difficile ottenere una potenza sufficiente dai freni a cerchio. La forza frenante può essere facilmente regolata modificando le dimensioni del rotore. Un rotore più grande aumenterà la potenza di arresto e uno più piccolo farà risparmiare peso ai ciclisti che non necessitano di una particolare forza frenante.

"I freni a disco offrono un buon controllo, le possibilità di regolazione sono un grande passo in avanti. Specialmente in caso di pioggia, aiuteranno i corridori a frenare meglio"

Un controllo eccellente

I freni a disco rilasciano anche una potenza di arresto più lineare e prevedibile rispetto ai freni convenzionali e offrono prestazioni di gran lunga più consistenti in condizioni atmosferiche diverse. Questo è specialmente vero quando comparati ai freni convenzionali su cerchi in carbonio, una combinazione che dà risultati mediocri sul bagnato ed è soggetta a surriscaldamento in ambienti secchi. Marcel Kittel: "I freni a disco offrono un buon controllo, le possibilità di regolazione sono un grande passo in avanti. Specialmente in caso di pioggia, aiuteranno i corridori a frenare meglio".

Warren Barguil: uno dei primi a utilizzare il nuovo misuratore di potenza

Un'esperienza emozionante per Warren Barguil, essendo stato uno dei primi a utilizzare il nuovo misuratore di potenza Shimano FC-R9100-P. Poiché i dati sulle prestazioni stanno diventando sempre più importanti durante l'allenamento e la gara, l'affidabilità e l'accuratezza degli stessi è altrettanto capitale. Barguil era ansioso di utilizzare il nuovo misuratore di potenza al Tour de France, che gli ha consentito di decidere in tempo reale le tattiche di gara basandosi su letture precise della sua potenza.

"Le mie prime impressioni sul misuratore di potenza Shimano sono molto buone. I dati sono coerenti, è molto facile da usare e non aggiunge quasi nessun peso! Magnifique!"

C'est magnifique!

Warren Barguil: "In quanto professionista, non riesco a correre senza dati. Per me i dati sono essenziali durante i giri di allenamento perché mi confermano che sto seguendo il programma dello staff tecnico e mi danno un'indicazione della mia forma fisica. Durante le gare posso monitorare le mie prestazioni e decidere la mia tattica in tempo reale basandomi sulla mia potenza. La cosa più importante è che i dati sono affidabili e precisi. Le mie prime impressioni sul misuratore di potenza Shimano sono molto buone. I dati sono coerenti, è molto facile da usare e non aggiunge quasi nessun peso! Magnifique!"

Il modo più efficace per monitorare

Integrato alla guarnitura, lo Shimano FC-R9100-P è un misuratore di potenza a doppia rilevazione che determina in tempo reale la forza esercitata su entrambe le pedivelle. È di gran lunga il modo più obiettivo per monitorare le proprie prestazioni e ottenere i dati necessari per ottimizzare i programmi di allenamento e le decisioni durante la gara. 

Articolo correlato