Torna alla galleria

La co-creazione è il segreto del successo di PRO

Una ruota a tre raggi per le prove a cronometro sviluppata con il Team Sky e una sella di prima qualità realizzata con i corridori della Giant-Alpecin: una tipica giornata lavorativa in PRO, dove ciò che conta è la co-creazione.

Abbiamo tutti provato quell’euforia nel salire in sella a una bici per la prima volta sapendo subito che tutto funziona alla perfezione. Ma che cosa fanno le sette persone che compongono il team principale di PRO per assicurarsi di scatenare una tale sensazione? Cosa significa progettare qualcosa specificatamente per professionisti come Gee Atherton o Tom Dumoulin sapendo che finirà su biciclette acquistabili da chiunque? Abbiamo incontrato Marcel Gerritsen, responsabile del team di sviluppo del prodotto, e Bas Schaapveld, sviluppatore di prodotto, per rispondere a queste domande.

Il piacere di lavorare con professionisti

Uno dei motivi per cui i prodotti PRO funzionano così bene è la co-creazione, il fatto di unire le forze con Shimano e con professionisti stagionati per trarre beneficio dalla loro esperienza e competenza. “Siamo in grado di metterci in contatto con i nostri colleghi di Shimano fin dall’inizio,” racconta Bas, “ed essere i primi sul mercato a proporre un prodotto che si integra a un’innovazione Shimano. E, proprio come Shimano, testiamo rigorosamente i nostri prodotti. Questo è un enorme vantaggio della co-creazione.”   

“Siamo in grado di metterci in contatto con i nostri colleghi di Shimano fin dall’inizio, ed essere i primi sul mercato a proporre un prodotto che si integra a un’innovazione Shimano. E, proprio come Shimano, testiamo rigorosamente i nostri prodotti. Questo è un enorme vantaggio della co-creazione.”

Ma la parte migliore della co-creazione è lavorare con i professionisti. Uno dei più attivi partenariati di co-creazione è stato realizzato con i pluricampioni fratelli Atherton. Come funziona esattamente? Vi presentate a casa loro chiedendo se sono interessati a lavorare con voi? “Funziona più o meno così,” dice Marcel. “Dopo averli incontrati fu chiaro che c’era un interesse reciproco, così hanno iniziato a venire presso il nostro ufficio nei Paesi Bassi e noi ci siamo presentati alle loro gare. L’intero processo è piuttosto pratico. Abbiamo letteralmente messo alcuni dei nostri prodotti su un tavolo in modo che potessero toccarli con mano, e poi ne hanno scelti alcuni da provare. Ci hanno dato il loro parere e siamo partiti da lì. È così che funziona. Andiamo avanti e indietro per perfezionare il prodotto fino a quando tutti sono soddisfatti. A quel punto possiamo avviare la produzione effettiva.”  

Il miglior elisir

Un riscontro positivo è il miglior elisir: alimenta la fiamma della passione in PRO, sebbene non ce ne sia bisogno. “Ci sono due tipi di riscontri,” spiega Bas. “Il riscontro indiretto della vittoria: Froome che vince il Tour de France o Cavendish che si aggiudica un’altra tappa mette sotto ai riflettori il prodotto sul quale abbiamo lavorato per molto tempo; così come l’ingrandimento di una foto che ritrae un cockpit con la scritta PRO che taglia il traguardo per primo. Nel nostro ufficio abbiamo un manichino con la maglia gialla che Froome indossò al 100º Tour de France, per esempio. Non si può fare a meno di sentirsi parte della vittoria.”

L’altro tipo di riscontro è quello di un giornalista indipendente che dall’altra parte del mondo sta provando un prodotto per scrivere una recensione. Come la rivista britannica Cycling Weekly che con riferimento alla sella Falcon di PRO ha dichiarato: ‘È una sella fantastica che continueremo a usare anche dopo aver finito questo test.’” Per Bas questa è una conferma del loro duro lavoro.

“A volte non ci si rende nemmeno conto di quanto sia divertente lavorare. Che è probabilmente la chiave del successo di PRO.”

La chiave del successo

... È lavorare sodo. Ma una cosa è certa: non ci si annoia mai in PRO. “Infatti da noi in un dato giorno è quasi impossibile lavorare su una sola cosa,” dice Bas, "perché le persone ci contattano costantemente con domande e richieste di assistenza su molti progetti diversi, quindi passiamo sempre da una cosa all’altra: progettazione, imballo, collaudo di prodotti campione, grafica e così via.” Ogni giorno c’è qualcosa di nuovo. “È questo ciò che aiuta a tenere viva la passione”, afferma Marcel. “A volte non ci si rende nemmeno conto di quanto sia divertente lavorare.” Che è probabilmente la chiave del successo di PRO.

Articolo correlato