Share

Torna alla galleria

Blue Blooded: intervista con Jolanda Neff

Dalla danza classica alle bici

Jolanda Neff ha raccolto una lunga serie di successi per una rider ancora nelle fasi iniziali della sua carriera. La 23enne di Thal, in Svizzera, ha accumulato un elenco impressionante di palmarès. Tra gli altri risultati, ha vinto diverse gare della Swiss Cup, i campionati svizzeri (sia su strada che MTB), un campionato europeo e tre volte i Campionati del mondo UCI in categoria Cross Country Under-23. Nel 2013, in quanto racer ancora ammissibile all'U23, Neff scelse di competere con i migliori del mondo in categoria Élite, dove ha vinto tre campionati mondiali e la Coppa del Mondo per due volte, classificandosi numero uno al mondo. Da vera racer Blue Blooded SHIMANO, Neff ha scelto SHIMANO sin da quando ha iniziato a gareggiare.

Alla scoperta di un amore per le gare

Prima che Jolanda Neff scoprisse la sua capacità naturale per la mountain bike, ci racconta che la sua famiglia l'ha coinvolta in tutti i tipi di attività fisica. "Ho fatto danza classica con mia sorella dai sei ai dodici anni circa", ha detto quando di recente abbiamo parlato con lei della sua carriera agonistica. "Ho fatto sci, snowboard, lo sci di fondo, e molte volte abbiamo fatto escursioni a piedi. La nostra famiglia era spesso all'aria aperta."

"Ho fatto danza classica con mia sorella dai sei ai dodici anni circa"

Ma alla tenera età di sei anni scoprì che la sua vera passione era il ciclismo. Dice che a dieci anni era innamorata della mountain bike. "Appena partecipai alle gare a giri, mi piacquero tantissimo. Vinsi la mia prima gara e poi nessuno riuscì a mettermi il bastone fra le ruote: vinsi quasi tutte le gare che ho fatto". 

La mountain bike prese il sopravvento su tutte le atre attività. "Per me andare in bici era la cosa più divertente. Quando ero a scuola tutto il giorno avevo voglia di essere all'aria aperta, di uscire dalla classe e di salire sulla mia bici. Mi piaceva un sacco. Quando avevo dodici anni non volevo fare molto altro."

"Appena partecipai alle gare a giri, mi piacquero tantissimo. Vinsi la mia prima gara e poi nessuno riuscì a mettermi il bastone fra le ruote: vinsi quasi tutte le gare che ho fatto"

Una Shimano tutta per Neff

Dalla sua prima bici (ricorda che era rossa con le ruote blu ma non il modello) all'hardtail in carbonio del gruppo con il quale corre oggi, Shimano è stato il suo punto di riferimento per la fornitura di attrezzatura. "Ho sempre avuto Shimano. I prodotti sono i migliori. È un'azienda molto innovativa e i loro prodotti funzionano davvero".

Avere l'attrezzatura Shimano è talmente importante per questo fenomeno del cross country da aver condizionato le sue scelte professionali. "Quando ho ricevuto offerte per il mio primo contratto da professionista, ho voluto assolutamente andare con la squadra che utilizzava Shimano. Credo che per i rider sia importante poter contare sui propri componenti. Devono funzionare. Quando Shimano mette qualcosa sul mercato sai che è stato realizzato secondo gli standard più elevati e che è stato testato per anni".

Test con i quali lei e gli altri atleti aiutano l'azienda. "Sono davvero contenta di poter correre con Shimano. Ci inviano prodotti e durante le gare discutono con noi per sapere cosa ne pensiamo, cos'è che funziona e cosa bisogna migliorare. Anche se non è che ci sia molto da migliorare perché realizzano prodotti che hanno davvero un ottimo livello."

Neff afferma che il supporto di Shimano è la chiave del suo successo. "Shimano è sempre presente quando ho bisogno, soprattutto durante le gare. Per ogni domanda o problema, un meccanico Shimano è sempre pronto. Persino nelle zone di assistenza tecnica."

"Quando Shimano mette qualcosa sul mercato sai che è stato realizzato secondo gli standard più elevati e che è stato testato per anni"

Jolanda Neff spera di portare Shimano a fare un giro nel 2016

Avendo realizzato talmente tante cose, è facile pensare che la giovane atleta sia pronta a riposarsi sulle sue corone di alloro. Non per Neff. Dice che è di nuovo concentrata sulla Coppa del Mondo. "L'ho vinta due volte, e sarebbe davvero bello fare una grande stagione alla Coppa del Mondo (2016). Ovviamente quest'anno ci sono anche le Olimpiadi. Spero di ottenere buoni risultati. E i Campionati del mondo sono molto importanti.

Poco importa ciò che realizzerà nel 2016, Shimano le sarà accanto.

Blue Blooded

Blue Blooded si concentra sui ciclisti professionisti di tutte le principali discipline, i quali hanno una cosa in comune: nelle loro vene scorre Shimano. Fanno parte dell'allargata famiglia Shimano e condividono tutti la nostra stessa passione per il ciclismo. Scoprite le loro storie su #RideShimano.

Articolo correlato